Tu sei qui

La tua prima volta ad Ibiza... guida alla Disco

Il sound dell'isola.

Ibiza è conosciuta in tutto il mondo per la sua musica dance, ma si tratta di un termine che racchiude diversi stili. La nostra serie sui generi musicali che trovi sull'isola ti aiuterà a individuare i party, i club e i DJ più adatti ai tuoi gusti.

Adesso torniamo alle origini della scena, all'epoca d'oro del clubbing. Le cose come le conosciamo sono iniziate negli anni '70 con la Disco!


Tutta la musica dance moderna può essere ricondotta alla Disco. Siamo sicuri che sei già preparato, ma se cerchi un po' di sana e genuina Disco, ascolta la nostra playlist qui sotto.

A rigor di termini, confessiamo che questa playlist non è completamente Disco.

Ci siamo presi la libertà di includere anche un po' di Synth Pop, un pizzico di Funk e Soul, Pop moderno che prende molto in prestito dalla Disco, e si finisce con un po' di Disco contemporanea – spesso chiamata Nu-Disco.

Segui la playlist qui iscriviti al nostro canale Spotify qui.


Per quanto riguarda Ibiza, Glitterbox è la scintillante manifestazione moderna della Disco sull'isola. Nella sala principale, The Theatre, potrai ascoltare tanta musica, di quella che attira le folle, con i classici della Disco e della House.

E, chissà, forse potresti anche assistere a una performance live di una diva della Disco?

Nella Club Room, invece, troverai un'interpretazione moderna della Disco suonata da alcuni dei migliori selezionatori del mondo. Stiamo parlando di nomi come DJ Harvey, Horse Meat Disco, Dan Shake, Natasha Diggs e Luke Solomon.

Glitterbox bilancia la nostalgia sdolcinata con la credibilità meglio di qualsiasi altra serata in discoteca.

Se preferisci le cose un po' più intime, magari con un pubblico più adulto, allora la discoteca Freddies al Pikes è un altro luogo in cui probabilmente troverai sia la vecchia scuola che la Disco più avanzata. Da altre parti, la Funky Room del Pacha con i DJ Pippi e Willie Graff potrebbe fare al caso tuo in alcune serate.

Ecco come stanno le cose al momento. Ma dove è nata la Disco?


Alle origini

Nata all'inizio degli anni '70 a New York e Philadelphia (ma presto avrebbe conquistato tutto il mondo), la Disco è la capostipite di tutta la musica dance. Il nome deriva dalla parola francese discothèque, che significa letteralmente "biblioteca di dischi fonografici".

Contagiosamente funky e ballabile, come sicuramente già sai, la musica Disco è arrangiata con chitarre, tastiere, sintetizzatori, diversi tipi di batteria e sezioni di fiati e archi, oltre a potenti voci.

È uno dei primi tipi di musica a utilizzare fino a 64 tracce di voci e strumenti nella sua composizione. La sua complessità, rispetto ad altre forme di musica dell'epoca, ha visto crescere l'importanza del missaggio e il maggiore ricorso ai tecnici del suono.

I locali di New York, come lo Studio 54 di Manhattan e il The Loft di Broadway, si sono guadagnati la fama per la loro colonna sonora Disco, per la politica delle porte esclusive, per le notizie di edonismo sconsiderato e per la clientela di serie A, che annoverava Liberace, Madonna, Andy Warhol, Liza Minelli e Nile Rodgers.

I frequentatori glitterati indossavano outfit eccentrici di stilisti famosi, costituiti da abiti larghi e stampe a fiori.

Queste istituzioni divennero il fondamento del moderno clubbing.

A livello più ampio, la Disco è stata resa popolare dal cinema, con film come Saturday Night Fever (La febbre del Sabato Sera) con John Travolta.

Pensa a tutte le iconografie senza tempo che la Disco ci ha regalato, dalla scintillante strobosfera ai pantaloni a zampa d'elefante, dal voguing ai tacchi a spillo. La sua eredità non è solo musica. È moda.


La Disco fa schifo?

La popolarità della Disco, apparentemente inarrestabile, si è infranta nel modo più atroce possibile. Sembra che il suo fascino universale abbia fatto storcere il naso all'establishment che, alla fine degli anni '70, cospirò per silurare la credibilità della Disco. Ne conseguì un'insurrezione di dissenso.

L'irriverente speaker e conoscitore del rock Steve Dahl, della stazione radiofonica di Chicago WLUP, si fece portavoce del movimento DISCO SUCKS! Dahl organizzò un evento invitando chiunque a portare un vinile di musica Disco da bruciare, il tutto durante una partita di baseball della Major League tra i Chicago White Sox e gli agguerriti rivali Detroit Tigers.

Durante l'intervallo tra le due metà di un inning, un'enorme quantità di dischi fu bruciata in mezzo al campo. La notte passò alla storia come la Disco Demolition Night, che mobilitò una folla più che doppia rispetto alla capacità del Comiskey Park. Seguirono disordini.

L'espressione "sabotaggio culturale" non è mai stata così appropriata.

Il movimento anti-Disco aveva forti sfumature razziste e omofobe. Il contraccolpo era prevedibile in molti modi, essendo la Disco uno dei primi movimenti guidati da neri e gay che si erano inseriti nella cultura pop mainstream.

In larga misura, la campagna dell'odio funzionò. Da un giorno all'altro, la Disco diventò una parolaccia. Passò dall'essere cool e alla moda, a satura, datata e pacchiana. Cacciati dalla città, la Disco e i suoi più grandi protagonisti non ebbero altra scelta che ritirarsi nell'ombra.

Quindi la Disco era morta? Al contrario, lontano dalle luci della ribalta, fiorì ancora una volta.

Politicamente e socialmente, il mondo era in transizione mentre l'umanità entrava negli anni '80. Prima della metà di quel decennio, la Disco si era trasformata in un nuovo sound emerso da Chicago e noto come musica House. Morta? La Disco era rinata.


Trovi qui tutte le nostre guide sulla musica:

La tua prima volta ad Ibiza... guida all'House music
- Tech House
- Deep House
- Afro House
La tua prima volta ad Ibiza... guida alla Garage music
La tua prima volta ad Ibiza... guida all'EDM
La tua prima volta ad Ibiza... guida alla Techno
- Melodic Techno
La tua prima volta ad Ibiza... guida alla Minimal music
La tua prima volta ad Ibiza... guida al Reggaeton


Leggi di più...

Quest'articolo fa parte delle nostre Guide per la Prima Volta ad Ibiza, ricche di informazioni su come sfruttare al meglio il tuo soggiorno a Ibiza. Consultale.

Contenuti correlati

Shopping basket

Loading