Tu sei qui

Sulla strada: il nord-est di Ibiza

Nel primo articolo di una nuova serie, ti portiamo nei luoghi più suggestivi dell'isola.

L'itinerario: partendo dal villaggio di San Carlos, si percorre la costa in direzione nord, fermandosi in spiagge come Cala Leña e Cala San Vicente, con punti di interesse nel mezzo.

Cosa vedrai: splendide coste, tortuose strade di campagna, acque turchesi, incantevoli paesaggi e soste per rifocillarsi.

Oggetti essenziali da portare con te: bevande, spuntini, una buona macchina fotografica, attrezzatura da spiaggia, musica come la nostra playlist Ibiza Spotlight Selects, contanti per acquistare le bevande al bar, protezione solare, mappa cartacea/app (porta un caricabatterie per il telefono se usi quest'ultima).


IL PERCORSO


Ibiza può anche essere una piccola isola, ma quanti di noi possono dire di conoscerne davvero ogni angolo? Quanti di noi hanno visto le sue bellissime insenature nascoste, le ripide colline e i paesaggi? Insomma, quanti di noi conoscono la vera Ibiza?

In questa sezione ti presentiamo un altro lato dell'isola, più nascosto e meno visitato. Avrai bisogno di mezzi di trasporto, naturalmente, e un'auto è l'ideale per portare con te abbigliamento da spiaggia, bevande e spuntini, anche se una bicicletta (magari una elettrica) andrebbe bene lo stesso.

Questi tour sono progettati per essere lunghi o brevi, come preferisci tu. Se vuoi rimanere più a lungo sulla spiaggia, basta semplicemente saltare le altre fermate e scegliere quello che vuoi fare. Continua a leggere e guarda cosa abbiamo scoperto durante il nostro tour nel nord-est di Ibiza.


per carburare già dal mattino

La nostra selezione di colazioni al Las Dalias Café


Abbiamo iniziato il nostro tour nell'incantevole villaggio di San Carlos, andando a fare colazione al Las Dalias Café, parte del famoso e consolidato mercato hippy. Gli interni sono moderni con un tocco rustico e, nelle prime ore di quel giorno, inondati dal primo sole del mattino. Il menù offre molti tipi di toast con condimenti moderni come hummus di barbabietole e peperoni grigliati e, per i più attenti alla salute, il kefir con frutti rossi sembrava l'ideale per mettere in marcia l'apparato digerente.

Abbiamo preso un toast al prosciutto e formaggio, alcune uova locali in camicia con spinaci, tortilla e avocado su pane tostato con scorza di lime. Il tutto, accompagnato da tazze di caffè caldo e schiumoso, che ci ha preparato come si deve alla nostra giornata di viaggio. Vale sempre la pena fare colazione fuori quando si è in vacanza, anche se il tuo hotel la include. Ibiza ha così tanti ottimi posti in cui mangiare che non andarci è quasi un crimine.



Con la pancia piena, ci siamo diretti alla nostra prima fermata turistica, la spiaggia di Cala Leña, in direzione nord attraverso San Carlos, seguendo le indicazioni per le spiagge vicine. Qui attraverserai molte strade di campagna tortuose, passando davanti a piccoli ristoranti dai nomi intriganti, ammirando la tranquillità e la mancanza di gente. Questo è il vero modo per vedere un'altra Ibiza.


SULLA PRIMA SPIAGGIA

In senso orario da sinistra: la spiaggia di Cala Leña; la strada per Pou des Lleo; una casa tipica ibizenca dipinta di bianco; un terreno agricolo


Tutto è segnalato sulla strada, quindi arrivare alla nostra prima spiaggia è stato facile e, in effetti, in poco meno di dieci minuti eravamo lì. Siamo scesi dalla collina che porta alla spiaggia, lasciando l'auto nel grande parcheggio alberato, una manna dal cielo che, in piena estate, manterrà la tua auto fresca.

Cala Leña ha molto fascino con il suo chiringuito alla fine di una lunga passeggiata in legno. Le brocche per la sangría sono appese ai ganci, pronte ad invitarti anche se, essendo un po' presto per bere, abbiamo preferito passeggiare lungo la spiaggia. I pini alle nostre spalle e il mare di fronte, descrivono un vero e proprio paradiso. A sinistra, una suggestiva scalinata dipinta di bianco, incastonata nella parete rocciosa, scende verso il mare, aggiungendo maestosità al luogo; le iconiche capanne dei pescatori che costeggiano la costa di Ibiza ricordano che questo è il Mediterraneo. Seduti sulla sabbia, abbiamo brindato alla bella giornata prima di tornare alla macchina per continuare il nostro viaggio verso nord sulle strade secondarie.

Spostandoti verso la spiaggia di Pou de Lleo, oltre Cala Boix, ti troverai in uno scenario di meraviglia bucolica, con valli e cime, vigneti e ortaggi. Dall'auto in movimento, le case ibizenche sembrano sfrecciare, decorate con vasi di piante e ricoperte di bouganville nei toni del rosa e del viola. Qui la strada è stretta, anche se ci sono sempre posti dove fermarsi e scattare foto, e vorrai farlo, soprattutto se non ti sei avventurato molto lontano da dove alloggi.


TORRI E ISOLA PRIVATA

In senso orario da sinistra: la Torre de Campanitx; la passeggiata fino ad Aguas Blancas; il sottoscritto che indossa occhiali sportivi per gentile concessione dell'Optica la Mar di Ibiza; lo scalo d'alaggio del peschereccio a Pou des Lleo


Guidare su strade dove passano solo uno o due ciclisti e, occasionalmente, un'auto è un lusso a Ibiza e, con nostra soddisfazione, il tragitto verso Pou des Lleo ci ha proprio regalato un momento come questo. Siamo arrivati in circa 25 minuti, il che ci ha permesso di fare una lunga sosta fotografica. Essendo presto, c'erano poche persone sulla spiaggia, il che è molto interessante se vuoi evitare la folla; la mattina è davvero il momento migliore per passare il tempo in tranquillità.

Dopo aver dato un'occhiata in giro, ci siamo fermati al piccolo chiringuito per una birra veloce e un controllo al nostro percorso, chiedendo al barman dove si trovasse la nostra successiva destinazione, una vecchia torre di difesa. Si tratta della Torre de Campanitx, costruita nel XVIII secolo per tenere lontani i pirati. È molto facile da raggiungere e puoi arrivarci a piedi dalla spiaggia, girando a sinistra con il mare alle spalle. Noi ci siamo andati in auto, anche se ci avevano avvisati sulle condizioni della strada: una strada sterrata accidentata per tutto il senso di marcia, quindi meglio usare un veicolo con una certa altezza dal suolo.


Tagomago, l'isola privata che costa una fortuna


Una volta giunti in cima alla collina, ci siamo meravigliati del tesoro merlato che questa vecchia torre rappresenta. Abbiamo fatto delle foto, chiedendoci se fosse possibile entrare per immaginare il momento in cui i suoi occupanti lanciavano segnali luminosi per avvertire di un attacco pirata. Da qui, una breve passeggiata verso il mare rivela l'isola privata di Tagomago, un luogo che probabilmente non è sulla tua lista come alloggio, dato che costa quasi 24.000 euro per notte. Se vai a dare un'occhiata, fai attenzione a non camminare troppo lontano dal bordo, perché la discesa è ripida. Meglio procedere con cautela mentre apprezzi il silenzio, con il solo canto degli uccelli a infrangere la calma perfetta della natura.


Una PISCINA per MARE

In senso orario da sinistra, ad Aguas Blancas: la delicata costa dalle linee curve e scintillanti; una roccia su cui arrampicarsi; il divertimento nelle acque poco profonde; la vista dall'alto


Il nostro barman ci aveva consigliato un posto incantevole, proprio accanto al ristorante Pou des Lleo, sopra di noi. Scendendo lungo il sentiero, raggiungerai un tratto di costa piuttosto aperto, anche se è a sinistra che devi continuare per scoprire un vero tesoro. Ci siamo arrampicati su alcune rocce e abbiamo seguito il percorso successivo per trovare una striscia di mare azzurro intenso con rocce, come piccoli vulcani che emergono da un mare simile a una piscina (vedi foto principale). Ti toglierà davvero il fiato; ci siamo sentiti assolutamente privilegiati ad essere lì, sapendo che ci saremmo tornati di sicuro.

Era arrivato il momento di partire per la successiva spiaggia del nostro itinerario, Aguas Blancas, e vi siamo arrivati appena 15 minuti dopo, parcheggiando in fondo alla strada che porta ad essa e camminando su e giù per la ripida collina per raggiungerla. Aguas Blancas è famosa per essere una spiaggia per nudisti e per la schiuma bianca del mare che le dà il nome. Meglio arrivare su questa spiaggia prima di mezzogiorno ora spagnola (14:00), cioè, prima che il sole si nasconda dietro le montagne se vuoi avere una bella abbronzatura.

Non è tutta solo per i naturisti; scoprirai che il primo tratto di sabbia ha più bagnanti con il costume, quindi se sei in vena di restare nudo, vai a sinistra per trovare tre tratti di sabbia che si spopolano man mano che avanzi. Una volta lì, togliti tutto e resta come mamma ti ha fatto, ma usa sempre la crema solare. Abbiamo lasciato la spiaggia con le pance che brontolavano e ci siamo messi di nuovo sulla strada per raggiungere la nostra prossima tappa, Cala San Vicente.


UNA SOSTA PER IL PRANZO

Cala San Vicente dalla strada

Si raggiunge Cala San Vicente in circa dieci minuti di auto, percorrendo tortuose strade di montagna scavate nella scogliera e poi, all'improvviso, appare la spiaggia... e che vista paradisiaca. Guardando verso il basso attraverso la vegetazione, vedrai i colori del mare turchese e blu brillante, con piccoli raggi di luce che rimbalzano sulla superficie come lucciole. Semplicemente divino.

Arrivati ​​in fondo e parcheggiato l'auto, abbiamo percorso il lungomare per ammirare l'abbagliante panorama di fronte a noi prima di fermarci a mangiare. Il nostro punto di ristoro è stato il ristorante Boat House, opportunamente chiamato così essendo pieno di materiale marinaresco recuperato e raccolto da tutta Europa. Vedrai lampade da nave alle pareti, reti da pesca come decorazioni, bobine di corda trasformate in tavoli e molti altri materiali di recupero, ciascuno con la sua storia.


Giù sulla spiaggia di Cala Sa Vicente


Non ci sono sufficienti parole per descrivere questo posto, dall'accoglienza dell'affascinante proprietario Jay all'incantevole staff, al creativo menù internazionale. È un alveare di attività e noi seguiamo con gli occhi i piatti ben presentati che escono per essere serviti, poi guardiamo con ammirazione un'enorme bistecca (chuletón) con l'osso arrivare al tavolo dei nostri vicini, facendoci venire l'acquolina in bocca. Ordiniamo. Abbiamo bisogno di carburante.


MANGIARE PIACEVOLMENTE

In senso orario da sinistra: l'arrivo alla Boat House; due shottini di Hierbas; il taglio della bistecca Chuletón; gamberi impanati con maionese kimchi

Un Baba Ganoush alla menta e dei gamberoni fritti con maionese al kimchi sono i nostri antipasti, assolutamente deliziosi. Ci sediamo, guardando verso il mare e avvertendo un senso di assoluto relax, e aspettiamo i nostri primi piatti, un meraviglioso pollo alla peruviana e spaghetti alla chitarra ai frutti di mare. Li divoriamo, con entusiasmo, godendoci fino all'ultimo morso.

Finito di mangiare, ci rallegriamo dell'ottimo pranzo e facciamo un giro veloce per vedere altri dettagli dell'arredamento. Vale la pena dare un'occhiata in giro perché c'è sempre qualcosa che ti è sfuggito. Cerca l'acquario simulato sul pavimento all'interno. Però ora, sentendoci pieni, il dessert è una possibilità remota e ordiniamo un paio di bicchierini del liquore locale hierbas.


Siamo arrivati alla fine, amico mio

In senso orario da sinistra sulla spiaggia di Cala d'en Serra: la vista del mare; gli scivoli-canali dei pescatori; il panorama dall'alto; un cartello appeso a un albero che descrive perfettamente le nostre vacanze

Si tratta di andare a tutta velocità verso l'auto e la nostra ultima tappa. Fortunatamente, arrivare è facile. Tutto quello che devi fare è guidare in direzione di San Juan attraverso colline verdeggianti con ripide salite e discese. È incredibile vedere questo terreno montuoso. Guidiamo sbalorditi mentre contempliamo i vecchi terrazzamenti moreschi sulle colline, parlandoci di un'epoca in cui la gente di qui viveva davvero dei frutti della terra e del mare. È tutto ciò che posso fare per non allontanarmi dalla strada: ammirare lo spettacolo.

Proseguiamo fino all'insenatura di Cala d'en Serra, percorrendo strette strade di campagna, sempre con poche altre auto, fino a quando ricominciamo a scendere per poi intravedere quello che è un piccolo scorcio di bellezza, questa volta il mare dai toni verdastri. Parcheggiamo, scendiamo a piedi e corriamo per raggiungere l'acqua, con Michael, il fotografo di questo duo, che scatta foto lungo la strada. Avevamo aspettato tutto il giorno per entrare in acqua e, una volta entrati, siamo ritornati bambini, tuffandoci sott'acqua per vedere la vita marina e rilassandoci facendo il morto a galla. Dopo circa dieci ore di viaggio, è la nostra giusta ricompensa.

Alla fine della giornata, è ora di partire, anche se non vorremmo, ma siamo sicuri di poter tornare ancora e ancora in questo splendido giardino e paradiso sulla costa.

Avrai bisogno di un'auto per il tuo viaggio su strada, perciò dai un'occhiata alla nostra selezione di compagnie di autonoleggio di Ibiza locali per avere robuste ruote che ti portino in giro.


FOTO | Michael Tomlinson

Contenuti correlati