Tu sei qui

Rassegna gastronomica: Passione e fiamme si accendono al La Llama

Delizie grigliate alla fiamma per commensali focosi.

Translated by

Entrando dalla colorata e luminosa W lounge del W Ibiza Hotel, una grande porta scorre all'indietro per rivelare l'interno scuro del ristorante La Llama. Evidentemente, stai mettendo piede in una zona completamente nuova, con una propria identità distinta. Sembra di essere accolti nel sancta sanctorum di un club privato.

Legno scuro, piastrelle nere e vetro fumé danno come prima impressione un'oscurità misteriosa, che si percepisce come discreta e intima. L'ambiente di tanto in tanto è illuminato da lampi di fiamme che emergono dalla cucina aperta mentre la manager Carmen, vestita con un elegante mix tra la focosa eroina di Bizet e un matador, ci conduce al nostro tavolo. I mobili sontuosamente imbottiti rendono l'esperienza gastronomica estremamente confortevole.

All'esterno, sul balcone, la luce aumenta, con una piacevole panoramica sulla piscina verso il mare. Un bel punto di osservazione per godersi un cocktail prima di cena o una cena romantica. Il tutto mentre una colonna sonora cool e funky è diffusa dal noto DJ locale Mar Flores.

Naturalmente, i cocktail serviti al La Llama sono preparati secondo gli standard più elevati, quelli che ti aspetteresti dalla catena di hotel premium W. Nomi inquietanti come Voodoo People, Cannibal e l'eponimo Flame si adattano armoniosamente agli interni cupi. Il cocktail Flame, frizzante con cachaça, frutto della passione, lime e una generosa dose di zenzero, viene consumato rapidamente, prima dell'arrivo degli antipasti.

Come l'arredamento, il menù del La Llama è essenziale e sobrio. Il messaggio è ovvio: La Llama sa cosa è meglio per te e ha scelto i migliori ingredienti per compiacerti e per renderti facile scegliere. Ci sono interessanti influenze dal Levante, e la maggior parte dei piatti sono preparati sul barbecue a legna o nel tradizionale forno d'argilla Tabun.

Il primo a uscire dal forno è un trio di pani appena cotti. Ognuno è un esempio completamente diverso dell'arte del fornaio; una pagnotta senza glutine, alcune focaccine e Halla (o Challah), un pane cerimoniale di origine israeliana, simile alla brioche. Il pane è accompagnato da un interessante medley di salsine mediorientali, yogurt alle melanzane, pomodorini arrostiti e zhug – un mix di peperoncino verde, coriandolo e prezzemolo. Lo zhug è ora ufficialmente uno dei preferiti di Spotlight!

Un Tataki di tonno scottato alla fiamma, con jalapeños e pomodorini, è il primo antipasto che arriva e che viene velocemente divorato con gusto.

Subito seguito da una burrata deliziosamente cremosa, accompagnata dal solito basilico ma anche da un partner meno comune – il tamarillo confit della Colombia. Conosciuto come tree tomato (albero da pomodoro) nei paesi anglofoni, questo frutto si vede raramente in Europa. L'interno rosso intenso è praticamente caramellato dal processo del confit e costituisce un interessante e dolce sostituto del tipico pomodoro.

Come intermezzo, è arrivato un piatto di fettuccine vellutate al burro e salsa di caviale, ricoperte da un'altra generosa spruzzata di caviale. Il sogno di ogni amante della pasta...!

Il pescato del giorno era la sogliola di Dover, quindi non abbiamo potuto resistere a ordinarne un filetto. Per i nostri gusti, il piatto era leggermente insipido e necessitava di essere condito. Una salsa burro e limone ha aiutato a migliorare il piatto, ma riteniamo che sia stata un'occasione persa per godersi davvero questo maestoso pesce piatto.

Tuttavia, la marinata di merluzzo nero al miso e sakè, con una superba decorazione di zenzero sottaceto fatto in casa e polvere di tartufo, è stato un trionfo. A volte, il merluzzo nero può essere un po' dolce per alcuni palati, ma questo piatto è stato portato a nuovi livelli di eccellenza dallo speciale condimento.

Le star dello spettacolo a La Llama sono i tagli di carne bovina di alta qualità, accuratamente selezionati per i loro sapori profondi. Abbiamo scelto la bistecca di controfiletto di Rubia Gallega stagionata a secco per 45 giorni – vincitrice del World Steak Challenge Gold Award 2018. Non ci ha deluso! La bistecca era tanto ricca quanto saporita e mi ha riportato ancora una volta ai tempi felici sulle montagne della Galizia.

Questo fuoriclasse autoctono doveva essere abbinato a un bicchiere di vino adatto del nord della Spagna. Così, una bottiglia di Traslascuestas rosso ciliegia dalla regione di Ribera del Duero si è adattata perfettamente. Il rosso secco e quercioso era morbido e gradevole e si abbinava facilmente al sapore forte della carne di manzo.

Per il dessert ci siamo tuffati in un altro classico del levante, il Knafeh – una torta libanese al formaggio, fatta di pasta filo sminuzzata, imbevuta di sciroppo di fiori d'arancio dolce e a strati con formaggio e pistacchi, così come una carrellata di profiteroles con pere, assolutamente deliziosi – le pere erano preparate in tre modi: pere affogate al vino bianco, pere caramellate e pere croccanti, servite con crema pasticcera alla vaniglia.

Dopo un banchetto così delizioso e variegato, non restava che salire al bar della terrazza Glow per finire la serata con un bicchiere di Hierbas e godersi i ritmi della DJ Sylvia Operé sotto le stelle. Una notte al La Llama è veramente una festa di fuoco e di emozioni – toccando esattamente i tasti giusti, come volevano i proprietari.

Clicca qui per fare una prenotazione al La Llama Restaurante oppure scarica la nostra app per altri consigli gastronomici!

FOTOGRAFIA: La Skimal

Contenuti correlati

Prezzo medio settimanale 00