Tu sei qui

Stupore e innovazione al ritorno del Jazz Point Festival

Un'unione internazionale di ritmi e ottoni

Translated by

Dopo un anno di pausa, il fantastico festival musicale Jazz Point è tornato per la sua seconda edizione dal 14 al 16 ottobre, presso il Pikes Hotel e il centro culturale di Can Ventosa, nel cuore di Ibiza Città.

Quando la pandemia ha messo fine a tutti gli incontri sociali, il settore dello spettacolo dal vivo è stato colpito in modo particolarmente duro. Tuttavia, gli ultimi mesi hanno visto le cose tornare lentamente alla normalità. Ibiza è tornata alla vita, con la riapertura dei club e un'incredibile serie di concerti e spettacoli musicali.

Venerdì 15 e sabato 16 siamo stati al Can Ventosa per saperne di più…


Venerdì 15 ottobre

Trio Pere Bujosa

Il concerto di venerdì è iniziato con una breve introduzione che ci ha promesso una notte diversa e innovativa di jazz, prima che venisse presentato il primo dei due gruppi, il Trio Pere Bujosa.

Originario di Maiorca, il talentuoso contrabbassista è una stella nascente della scena jazz europea. Insieme a lui sul palco, c'erano Xavi Torres (piano) e Joan Terol (batteria).

I due numeri di apertura del gruppo erano decisamente in linea con quello che ti potresti aspettare da una serata jazz, ma dopo il terzo recital, siamo stati portati a un nuovo livello.

Una bassline molto energica, quasi orientata verso l'heavy metal, ha provocato un'esplosione di entusiasmo tra il pubblico. Quando tutti gli strumenti si sono uniti, abbiamo capito che si trattava di una fusione di Jazz e Rock.

Da questo momento, il concerto ha cavalcato un'onda di innovazione, con un pezzo in cui i musicisti imitavano strumenti elettronici come le drum machine e i sintetizzatori. Questa performance caotica sembrava insolita ma, credici, siamo rimasti davvero impressionati dall'alto livello.

Il pezzo finale è stata un'intensa cover jazz di Pyramid Song dei Radiohead che ha suscitato una standing ovation. Complimenti al Trio Pere Bujosa!

Alice Zawadzki e la sua band

Dopo un intervallo di dieci minuti, per il secondo atto sono saliti sul palco Alice Zawadzki e i suoi compagni di band, Misha Mullov-Abbado e Fred Thomas – il primo al contrabbasso, il secondo alla batteria, al piano e al banjo.

Che talento la Zawadski! Vestita di rosso, con i suoi vistosi capelli biondi e il suo sorriso enigmatico, ha illuminato tutto il palco. Con le sue parole ricordava più un guru che una musicista e cantava come una star dell'opera. È davvero qualcosa di speciale.

Appena è iniziata la musica, ha suonato il violino a piedi nudi, ridendo estaticamente e scambiando sguardi con i suoi colleghi musicisti. Wow!

La musica ci ha condotto in un viaggio profondo nel campo più intimo e melodico del jazz. C'erano forti influenze di musica folk, dall'Inghilterra, dal Sud America e dalla Polonia.

La sua musica era poetica e trattava argomenti come la vita, le antiche leggende e lo spirito di un gatto – combinando il canto con la narrazione. La sua esecuzione era un raro equilibrio tra zen e concentrazione – un'artista veramente completa.

Come chicca speciale, la sassofonista Muriel Grossman si è unita a loro sul palco per un fantastico momento di puro genio artistico.

Alla fine, tutti si sono alzati ancora una volta in piedi per un'altra standing ovation, prima di lasciare il locale molto soddisfatti per aver vissuto questo spettacolo eccezionale.


La parola che meglio descrive questa serata è: sorprendente. Entrambi i gruppi hanno mostrato un incredibile livello di musicalità, ma soprattutto hanno trasformato il genere talvolta incompreso del Jazz in un formato nuovo ed emozionante.

Questa musica si addice certamente alla nostra bohémien e multiculturale isola di Ibiza – un'isola che non smette mai di stupire!


Sabato 16 ottobre

McHenry Quintet

Il McHenry Quintet ha fatto una dichiarazione audace dal momento in cui è apparso sul palco. Come ha spiegato l'esperto e riconosciuto sassofonista e compositore jazz americano Bill McHenry, il gruppo si è formato durante la pandemia e ha presentato tre musicisti molto giovani e di talento: Angie Obin al flauto, Victor Carrascosa alla tromba e Estefania Chamorro alla batteria, più l'esperto bassista Masa Kamaguchi. Kamaguchi non solo suona magnificamente ma balla anche, nel suo stile unico, con il suo strumento in posizione verticale.

Il trio di fiati – flauto, sassofono tenore e tromba – ha creato una bellissima armonia, intrecciata con un ritmo staccato. Mentre gli assoli melodici sono stati accolti con entusiasmo dalla folla.

Il delizioso accento e la grande personalità di McHenry hanno brillato quando ha presentato la sua band e le sue composizioni in spagnolo. Alla fine della loro esibizione, tutti erano affascinati da questo nuovo gruppo e in particolare dalla dedizione di McHenry a questi giovani e dotati musicisti.

Ariel Bringuez e Nostalgia Cubana

Dopo l'intervallo sono saliti sul palco Ariel Bringuez e Nostalgia Cubana – un quintetto più maturo e dal talento eccezionale, pronto a catturare il pubblico con il suo variegato repertorio di composizioni artistiche.

Bringuez (sassofono) era accompagnato sul palco da Pablo Gutiérrez (pianoforte), Israel Sandoval (chitarra), Michael Oliver García (batteria) e Rubén Carles (contrabbasso) – ogni musicista eccezionale e abile come l'altro.

Ariel Bringuez, dall'eloquio gentile e vestito con un abito colorato, non avrebbe potuto entusiasmare di più i suoi colleghi musicisti e presto avremmo scoperto perché.

Siamo stati travolti dall'approccio nostalgico di alcune delle composizioni – dando spazio ad assoli molto intimi al piano, alla chitarra e al sassofono, ma il tutto sempre accompagnato dai delicati ritmi cubani e dalle rassicuranti bassline.

La performance si è sviluppata in una fusione di tutti gli strumenti in un finale molto energico, vicino a un'esplosione di suoni. Il pubblico non riusciva a trattenere la sua ammirazione, interrompendo le esibizioni con entusiastici applausi.


Ancora una volta, abbiamo lasciato il Can Ventosa in uno stato di felicità, sentendoci privilegiati per aver potuto ammirare tutti questi incredibili musicisti. Un grande ringraziamento a tutti gli organizzatori. Non vediamo l'ora che arrivi la prossima edizione del Jazz Point Festival.

Testo | Stefano Larricio e Katharine Uhlig

Contenuti correlati