Tu sei qui

Leggende e folclore di Ibiza

I primi fenici credevano che Ibiza fosse un'isola magica benedetta dagli dei...

camera

Un'isola magica

I primi Fenici credevano che Ibiza fosse un'isola magica benedetta dagli dei perché la sua fertile terra rossa non è vulcanica e l'isola impedisce la sopravvivenza di qualsiasi rettile, animale, insetto o pianta che possa nuocere all'uomo. Ancora oggi molte persone indossano amuleti e ciondoli che contengono la terra sacra di Ibiza per proteggere chi li indossa dai pericoli.


Un'isola mitica

"Ibiza sarà l'ultimo rifugio della Terra" – predisse Nostradamus.
Secondo le previsioni di Nostradamus, astrologo e medico francese del XV secolo, quando il disastro nucleare spazzerà via la maggior parte della vita sulla Terra, le particolari direzioni dei venti prevalenti su Ibiza faranno sì che questa resti l'unico ambiente adatto al sostentamento della vita.


Un'isola misteriosa

L'isola di Es Vedrà, che sorge dalle acque al largo di Cala d'Hort, non ospita alcun essere vivente velenoso. Il sacerdote carmelitano Don Francisco Palau, fondatore del convento di Es Cubells, annotò meticolosamente rivelazioni mistiche e incontri con "esseri non terrestri circondati di luce" mentre meditava in quel luogo. Giganteschi cerchi di luce, fino a 50 metri di diametro, che emergono dal mare hanno dissuaso i pescatori dall'avvicinarsi a questa zona. Si dice che da Es Vedrà emani una potente forza magnetica, attirando fenomeni inspiegabili.

Di più su Es Vedrà


Talenti creativi

Che Ibiza eserciti uno strano magnetismo sui talenti creativi è una realtà affascinante. Non è un segreto che Ibiza vanti una grande concentrazione di talenti internazionali su quella che è una piccola isola: hanno tutti trovato ispirazione e realizzazione nel modo di vivere di Ibiza, semplice e spiritualmente fecondo.

Contenuti correlati