Tu sei qui

La sostenibilità conta – novembre 2021

In occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, IbizaPreservation ci ricorda l'importanza delle 3 R: Ridurre, Riutilizzare, Riciclare

Translated by

Ibiza ha una grande ricchezza di attrazioni naturali, dal suo mare scintillante, dalle sue spiagge sabbiose e le baie incantevoli al suo entroterra incontaminato, intessuto di terreni agricoli e boschi. Tuttavia, tutto questo splendido scenario è minacciato da una certa dose di qualcosa di molto meno naturale, e molto meno attraente: la spazzatura.

Ibiza produce circa un terzo dei rifiuti in più rispetto alla media nazionale spagnola – 662 kg per persona nel 2019, per essere esatti. E, naturalmente, tutti quei rifiuti devono andare da qualche parte. Un nuovo impianto di riciclaggio aperto sull'isola nel dicembre dello scorso anno dovrebbe garantire che meno rifiuti finiscano nella discarica ma, anche così, siamo sulla buona strada per riempire l'attuale sito entro sette anni. E a quel punto, le alternative sono tutt'altro che ideali: scavare un'altra grande buca nel terreno, incenerire o mandare la spazzatura a Maiorca per essere incenerita lì.

Foto per gentile concessione di Ayelén Alonso

Ma c'è un'altra soluzione che non dipende solo dal governo locale o dalle imprese, ma da tutti noi che viviamo o andiamo in vacanza sull'isola: il passaggio a un'economia circolare. Cosa significa in pratica? Un buon inizio è riciclare correttamente. C'è una leggenda metropolitana a Ibiza secondo la quale tutta la nostra spazzatura va a finire comunque nella discarica, indipendentemente dal contenitore in cui la si mette. Avendo visto l'impianto di riciclaggio con i nostri occhi, possiamo assicurarti che non è vero!


Come riciclare a Ibiza

Per i turisti che visitano l'isola, il sistema è probabilmente un po' diverso da quello che si ha a casa, quindi ecco una guida rapida su cosa mettere in quale cestino:

  • Giallo – è per gli "envases" (confezioni) o imballaggi. Puoi gettare tutti i tipi di involucri e contenitori di plastica qui, inclusi Tetrapak, oggetti metallici come lattine per bevande e alimenti e vassoi in polistirolo.
  • Blu – è per la carta e il cartone, anche se questi dovrebbero essere sempre asciutti e non sporchi di olio o avanzi di cibo.
  • Verde – è per bottiglie e barattoli di vetro, preferibilmente sciacquati prima di essere gettati e senza i coperchi che non siano di vetro. NB: i vetri rotti dovrebbero andare nel contenitore grigio.
  • Marrone – è per gli avanzi di cibo, cotto o crudo. Le ossa di carne e di pesce possono andare qui dentro, così come caffè macinato e foglie di tè. Vanno bene qui anche la carta da cucina o i tovaglioli sporchi.
  • Grigio – usa il bidone grigio solo per le cose che non possono essere riciclate in nessuno degli altri. Gli oggetti grandi dovrebbero essere portati alla discarica o alla "deixalleria" (servizio di gestione dei rifiuti)

Se alloggi in un appartamento o in una villa sprovvisti di bidoni per la raccolta differenziata, puoi facilmente organizzarti da solo usando sacchetti diversi per le varie categorie. Ci sono contenitori in quasi tutti gli angoli delle strade, quindi puoi svuotarli mentre ci passi davanti ogni tot giorni.


Suggerimenti per azzerare i rifiuti

Ancora meglio del riciclaggio, tuttavia, è fare scelte a rifiuti zero quando è possibile, come ad esempio:

  • Portare con sé borse riutilizzabili per la spesa. Se vieni in vacanza, mettine in valigia un paio piccole e ripiegabili; non occupano molto spazio.
  • Usare bottiglie d'acqua e tazze da caffè riutilizzabili.
  • Comprare frutta e verdura sfuse invece di quelle avvolte nella plastica.
  • Scegliere negozi che ti permettono di riempire i tuoi contenitori di prodotti per la casa o alimenti come riso, pasta, cereali, farina e noci. Ce ne sono diversi in tutta l'isola, tra cui Biosmell e La Alternativa Eco a Ibiza Città, Pachamama e Terra Zero Store a San Antonio e Antigua Simbólica a Santa Eulalia.

Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti

Plastic Free Ibiza, un movimento di ONG locali che noi di IbizaPreservation abbiamo contribuito a creare, sensibilizzerà su questo problema nei prossimi giorni nell'ambito della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, dal 20 al 28 novembre. Grazie al finanziamento del governo locale, Consell de Ibiza, Plastic Free e i suoi partner terranno laboratori didattici in una scuola locale e allestiranno uno stand a Vara del Rey a Ibiza Città tra le 10:00 e le 13:00 di giovedì 25 novembre. Ci saranno molti articoli in palio e la possibilità di parlare con i nostri colleghi e avere consigli su come ridurre gli sprechi.

Azzerare completamente i rifiuti può sembrare a molti un'ambizione quasi irraggiungibile, ma piccoli passi, come rinunciare alle bottiglie d'acqua di plastica e ai sacchetti di plastica, possono davvero fare la differenza, e che tu sia un residente o un turista, facendo la tua parte stai aiutando a mantenere l'isola un po' più pulita e più sana, qualcosa di cui tutti possiamo beneficiare.


Puoi scoprire di più su IbizaPreservation e fare una donazione per il lavoro che svolge andando sul suo sito web: ibizapreservation.org. Puoi seguirli anche su Instagram, Facebook e Twitter.

Dai un'occhiata alle attività commerciali ecologiche raccomandate da Ibiza Spotlight mentre sei qui e aiutaci a sostenere una Ibiza e una Formentera più verdi e pulite.

Leggi il nostro articolo sulla fontana di San Rafael, dove puoi riempire contenitori d'acqua da solo, comprare acqua in bottiglia o fartela consegnare.

Contenuti correlati